Bando: “Favorire l’integrazione europea attraverso la cultura fornendo nuove versioni sottotitolate di programmi televisivi selezionati in tutta Europa”


ClapperBoardManResizedSottoprogramma Media – Bando “Favorire l’integrazione europea attraverso la cultura fornendo nuove versioni sottotitolate di programmi televisivi selezionati in tutta Europa”

Call for proposals – EAC/S16/2014 – Fostering European integration through culture by providing new subtitled versions of selected TV programmes across all Europe

Fonte : Commissione europea – Sito Web Europa DG Istruzione e Cultura del 16/07/2014

La Commissione europea ha pubblicato un nuovo bando nell’ambito del Sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa. Si tratta del bando EAC/S16/2014 in attuazione del progetto pilota “Favorire l’integrazione europea attraverso la cultura, fornendo nuove versioni sottotitolate di programmi televisivi selezionati in tutta Europa”.

 

L’obiettivo del bando è testare il valore aggiunto derivante dalle versioni sottotitolate sulla circolazione on line e la divulgazione della programmazione culturale audiovisiva europea nell’UE. Concretamente, il risultato che ci si aspetta dal lancio del progetto pilota è la fornitura di almeno 600 ore di contenuto culturale audiovisivo sottotitolato diffuso on-line in più territori, e una valutazione dell’impatto di questa azione.

 

Il bando intende quindi sostenere la fornitura di un servizio di media audiovisivo non lineare o di un servizio web consistenti in un minimo di 600 ore di factual audiovisual content europeo esistente. Questo contenuto deve essere reso disponibile in almeno 2 ulteriori lingue ufficiali dell’UE grazie alla sottotitolazione.

 

  • Per factual audiovisual content deve intendersi un contenuto audiovisivo avente un forte valore aggiunto culturale; non sono ammissibili servizi focalizzati sul cinema o sulla fiction televisiva o l’animazione, così come quelli riguardanti l’intrattenimento, lo sport, i notiziari e l’attualità.
  • Il servizio deve essere disponibile da almeno 2 anni (alla data di presentazione del progetto), deve già avere un pubblico nel Paese di origine ed essere già disponibile nelle aree individuate per la nuova offerta linguistica.
  • Il progetto deve prevedere anche: attività promozionali, incluso lo sviluppo e attuazione di una strategia di marketing per il servizio, attività di ricerca per misurare l’impatto dell’azione sul pubblico, in particolare la sua diffusione nonchè il profilo e il comportamento degli utenti; l’organizzazione di un evento per divulgare i risultati finali del progetto pilota e condividerli con altri stakeholder e policy maker dell’UE.

La durata del progetto proposto deve essere massimo 24 mesi.

  • Possono presentare candidature fornitori di servizi di media audiovisivi non lineari o di servizi web con una massa critica di contenuto audiovisivo. Questi soggetti devono essere stabiliti in uno degli Stati membri UE.

 

Il budget a disposizione del bando è di 1,5 milioni di euro. Il contributo UE potrà coprire fino al 60% dei costi totali ammissibili del progetto.

 

La scadenza per la presentazione delle proposte è il 24 settembre 2014.

 

Tutta la documentazione (Application form + relativi Annex) necessaria per presentare un progetto è reperibile qui.

 

Aree geografiche coinvolte
UE 28 – Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria.

 Testo del bando – in lingua inglese (link)
 Guidelines (link)

 

Annunci